Tutti i tipi di gelatiera con spiegazioni, istruzioni e video

La gelatiera è un ottimo elettrodomestico adatto per gli appassionati di gelato. Non sempre sarà facile scegliere la marca più indicata per le nostre esigenze e per le nostre abilità. Questo perché in commercio troveremo modelli di ogni tipo, con varie funzionalità e diverse strutture. Ma non preoccupatevi! In questa guida vogliamo illustrarvi tutti i tipi di gelatiera così che potrete acquistare il modello adatto a voi con più consapevolezza. Vi spiegheremo quali sono i parametri da mettere in primo piano in fase acquisto, in questo modo andrete sul sicuro e non vi pentirete della scelta!

 

Gelatiera: cos’è e perché averne una

Una gelatiera è un dispositivo di tipo manuale o elettrico che serve a produrre del gelato artigianale in casa propria. Fare del gelato non è mai stato così semplice, potremo scegliere quale gusto preparare per sbizzarrirci in cucina con ricette sempre più creative. Potremo utilizzare il gelato anche per farcire dei dolci, i bambini saranno felici di aiutarci nella preparazione.

In commercio troveremo sia modelli manuali che vanno azionati con la forza delle braccia, e modelli elettrici che funzionano grazie all’ausilio della corrente elettrica. Nei negozi potremo trovare anche delle gelatiere per fare due gusti di gelato, si tratta di dispositivi più complessi e dal costo più alto ma che ci garantiranno grandi soddisfazioni.

Prima di acquistare una gelatiera dovremo capire bene se siamo dei veri consumatori di gelato oppure se siamo dei mangiatori occasionali. I dispositivi elettrici spesso sono dei veri e propri macchinari professionali. La loro potenza ed il loro costo non sempre rispecchiano colore che preparano gelato occasionalmente. È pur vero che potremo sempre conservare le porzioni di gelato nel freezer, ma dovremo saper valutare che uso faremo di una gelatiera.

Nei prossimi paragrafi vi illustreremo le caratteristiche di tutti i tipi di gelatiera, ma prima scopriamo insieme qual è la struttura generica ed il funzionamento di questi prodotti.

Gelatiera: com’è fatta e come funziona

Le gelatiere hanno in comune alcune parti specifiche che devono sempre esserci per far sì che il prodotto sia funzionale. In base al modello poi, le gelatiere cambiano notevolmente, soprattutto se si tratta di un dispositivo manuale o elettrico. Tuttavia il funzionamento e soprattutto la finalità dell’apparecchio sono sempre i medesimi: sminuzzare gli ingredienti e refrigerarli. Scopriamo quali sono le componenti generiche di una gelatiera.

Ogni gelatiera è composta da un sistema a doppio recipiente. Il primo rappresenta la scocca esterna e serve da base dell’intero prodotto. Se parliamo di un modello elettrico, la scocca rappresenta un vero e proprio corpo macchina che include il motore e alcuni pulsanti per scegliere le funzionalità. All’interno del primo pentolino troveremo un cestello. Questo recipiente è la parte fondamentale di una gelatiera perché dentro di esso andranno messi gli ingredienti e spesso va trasferito nel congelatore per refrigerarsi.

Sia i modelli manuali che alcuni elettrici infatti, non sono in grado di autorefrigerarsi dunque sarà necessario il passaggio di collocare il cestello nel freezer per qualche ora per poter procedere poi alla preparazione del gelato.

Le gelatiere, sia elettriche manuali, dispongo di pale che vengono azionate o grazie alla forza delle braccia o per l’elettricità. Le pale servono a mescolare gli ingredienti del gelato fino a farli diventare un composto cremoso. Alcune gelatiere dispongono anche di un coperchio in dotazione.

Ma per capire bene il funzionamento occorre conoscere al meglio tutti i tipi di gelatiera esistenti. Procediamo con ordine.

Tutti i tipi di gelatiera: come riconoscerle

Una domanda che gli acquirenti si pongono spesso è come riconoscere tutti i tipi di gelatiera. Per imparare a differenziare i vari modelli basterà tenere a mente alcuni semplici parametri. Le gelatiere si dividono in modelli manuali e modelli elettrici. Le gelatiere a mano prevedono che il cestello venga sempre refrigerato in precedenza per almeno 9 ore. Anche alcuni tipi di gelatiere elettriche prevedono questo passaggio, infatti sono solo alcuni modelli elettrici e professionali ad essere in grado di autorefrigerarsi.

Le gelatiere manuali sono denominate gelatiere a manovella, quelle elettriche invece sono le gelatiere ad accumulo o a compressore. Le prime non prevedono consumi perché non sono usate con la corrente elettrica. Le seconde e le terze tipologie di gelatiera invece dispongono di una potenza più o meno elevata quindi noteremo un aumento sulla bolletta.

Prima di acquistare una gelatiera dovremo tenere da conto anche dello spazio a disposizione. I modelli elettrici possono essere piuttosto ingombranti, quelli manuali possono essere comodamente riposti in una credenza. Ma le gelatiere elettriche dispongono di funzionalità maggiori, possono avere un timer, un’opzione di spegnimento automatico e possono preparare anche più gusti.

Per scegliere il modello adatto a noi tra tutti i tipi di gelatiera, dovremo quindi valutare non solo il costo, ma anche tutti questi parametri che vi abbiamo illustrato. Ma ora andiamo a conoscere nel dettaglio i vari modelli che vi abbiamo anticipato in questo paragrafo.

Gelatiera a manovella: come funziona

Le gelatiere a manovella sono diverse dalle altre perché hanno una leva ancorata sulle pale. Per azionare il prodotto dovremo girare la manovella in senso orario e antiorario e il nostro gelato inizierà a comporsi.

Ma prima di effettuare questo passaggio dovremo mettere il cestello con gli ingredienti dentro il freezer per circa 9 ore, in questo modo i cibi potranno refrigerarsi correttamente prima di essere utilizzati. Alcune gelatiere a manovella, i modelli più moderni, dispongono di un liquido refrigerante collocato tra le due pareti del cestello. Questo fluido facilità il congelamento del cibo in freezer.

Quando gli ingredienti saranno pronti potremo estrarre il cestello dal congelatore e potremo rimetterlo nella pentola. A questo punto possiamo iniziare a fare pressione sulla manovella per amalgamare bene il tutto. Quando il composto sarà cremoso potremo rimetterlo in freezer e conservarlo oppure lo possiamo mangiare subito.

Le dimensioni di una gelatiera a manovella possono essere variegate e dovremo sempre guardare la capienza del prodotto. Potremo trovare modelli da 1 litro e da 2 litri. I primi saranno sufficienti per cucinare gelato per 4 persone, i secondi modelli invece riusciranno a preparare più di 6 porzioni.

Tra i vantaggi di possedere una gelatiera a manovella occorre di certo segnalare che si tratta di un prodotto con zero consumi!

Gelatiera ad accumulo: come funziona

La gelatiera ad accumulo è un dispositivo di tipo elettrico. Ha un cestello estraibile e dei piedini antiscivolo. Tra le doppie pareti del recipiente interno c’è il liquido refrigerante, il fluido che facilita l’assorbimento del calore negli ingredienti e li raffredda più rapidamente. Questo modello dispone anche di un coperchio a cui sono ancorate le pale per amalgamare.

Anche per questo modello però, il recipiente andrà messo per 9 o 12 ore nel freezer per autorefrigerarsi. Poi potremo premere il tasto d’avvio ed il prodotto inizierà a lavorare in totale autonomia. Grazie ai vari pulsanti presenti sulla scocca, potremo anche selezionare il tempo di attività oppure impostare uno spegnimento automatico.

La potenza di una gelatiera ad accumulo si aggira intorno ai 100 Watt, al di sotto di questo livello l’elettrodomestico potrebbe incorrere in surriscaldamenti. Il tempo per amalgamare gli ingredienti del gelato, in base alla potenza, si aggira intorno ai 15 o 20 minuti. La capacità di questi modelli può essere di 1 litro o superiore ai 2 litri. Se abbiamo bisogno di preparare 1 kilo di gelato potremo indirizzarci in tipologie più capienti.

Gelatiera a compressore: come funziona

La gelatiera a compressore è il modello più professionale esistente in commercio. Si tratta dell’unica gelatiera in grado di autorefrigerarsi quindi i tempi saranno notevolmente ridotti. È un modello adatto a chi vuole produrre gelato quotidianamente, magari perché ha un’attività ristorativa o perché è un semplice appassionato.

La gelatiera a compressore è formata da un corpo macchina, da un cestello interno e da un coperchio. Si tratta di un vero e proprio macchinario, proprio per questo la sua struttura appare più ingombrante di quella degli altri modelli.

Per funzionare questa gelatiera sfrutta il ciclo frigorifero, sottrae calore all’ambiente esterno e lo refrigera automaticamente. La temperatura rimane molto costante e gli ingredienti per il gelato si congelano in brevissimo tempo. I tempi di lavorazione vanno dai 20 minuti ai 60 minuti.

La loro potenza è molto più elevata infatti i consumi aumenteranno di molto. I modelli più comuni vanno dai 150 ai 170 Watt, quelli di ultima generazione toccano anche i 200 Watt. La capienza è sempre di 1 litro, adatto per 4 porzioni di gelato, o di 1 litro e mezzo con il quale potremmo produrre circa 800 grammi.


Laureata in Lingue e Giornalismo sono da sempre appassionata di scrittura e di cucina. Con il passare del tempo ho cercato di unire queste due realtà ed ho iniziato a scrivere di elettrodomestici e trucchi casalinghi. Da anni scrivo per vari siti dedicati alla cucina e molti altri settori. Amo la scrittura in ogni sua forma, da quella giornalistica a quella in ottica Seo. Appassionata di letteratura, sport e cinema, mi dedico ogni giorno alla cucina per scoprire nuove curiosità da raccontare.

Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Apri Menu
sceltatermoconvettori.it